Messaggio al Santo Padre

IMMENSA  E’  LA  NOSTRA  GRATITUDINE come figlie della Chiesa e di Teresa di Gesù per il dono incomparabile di Benedetto XVI,  il suo libro “Gesù  di  Nazareth”.

Ha fatto bene a precisare che si tratta della sua ricerca personale del Volto del Signore e non di un atto magisteriale,  ma candidamente prega “le lettrici e i lettori di offrirgli la benevolenza per comprendere il senso profondo del suo dire, l’intenzione che lo ha guidato  : conoscere e comprendere Gesù”.

 

Non c’era dono più bello, per il suo 80º Genetliaco, che offrire la chiave della sua anima, la ricerca appassionata dell’amicizia con Cristo, la solidità del suo pensiero teologico.

 

Oh… volentieri lasciamo la critica per chi la vuole ad ogni costo, mentre a noi carmelitane basta abbeverarci al suo insegnamento, alla sua profonda esperienza contemplativa, al suo pellegrinare nei luoghi dove  Gesù si è incarnato, è  vissuto, è morto e risuscitato e ci ha mostrato per sempre il Volto del Padre, la sua presenza agissante nella nostra storia, anche in quella di oggi, che noi sperimentiamo così tormentata.

E’ sempre stato così, e sempre sarà, ma Dio non muta.

GRAZIE, SANTO PADRE !

TE LO DICIAMO OGGI NELLA SOLENNITA’ DI PIETRO E PAOLO che Ti aspettano pellegrino amante e credente nella terra delle nostre radici.

Le carmelitane scalze del Monte Carmelo di Haifa