IL FIORE DEL CARMELO

Monastero del Monte Carmelo di Haifa – Israele

(sito di solidarietà non a scopo di lucro)

Il Carmelo di Haifa in Terra Santa:

“l’unione dei cuori”

Numerosi Carmeli hanno per titolare la Madonna del Carmelo, ma uno solo ne porta il titolo come evocazione: quello situato sul Monte Carmelo.

Essere carmelitane, in questo luogo benedetto dal Signore, significa per noi, aver ritrovato in pienezza ciò che fa sì che il Carmelo sia il Carmelo, qualcosa di dinamico e creativo.

Infatti dall’aria che si respira, dall’atmosfera che ci avvolge, nasce una modalità di vita che riattualizza il carisma e lo protende verso il futuro.

Quello che vorremmo attuare è il modo di viverlo, per il fatto che abitiamo in una terra santa, e nel contempo carmelitana.

Nel nostro giardino, nel punto più alto del promontorio, sul mare che lo circonda da 3 lati, la nostra Stella Maris, da noi prediletta.

Ha il bimbo seduto in grembo; la mano che lo sorregge, insieme sorregge una piccola palla su cui Gesù posa la sua manina benedicente. Quella palla rappresenta  il mondo che siamo e in cui siamo: racchiudiamo in essa tutte le aspirazioni più profonde, le intenzioni più pressanti dei singoli e dell’intera umanità. Imploriamo che il Figlio vi posi in segno di conforto e di grazia, la Sua mano divina, sorretto ed invocato altresì dalla Vergine Maria.

Abitare qui, significa vivere “vicino”, “accanto” e in “unione” con Maria.

Siamo figlie che vivono alla sua presenza, nel Suo giardino, sotto il suo sguardo tenero e compassionevole.

Su questo monte la preghiera di Elia (I Re 18,17 – 46) ha eliminato i 450 profeti di Baal: ecco la costanza e l’efficacia della preghiera.

Poiché la preghiera – mistero di fede – può  attraversare il vuoto e la notte, occorre perseverare, tenere duro, considerando una Presenza, che a volte ha le apparenze di “assenza”.

Un Carmelo sul Monte Carmelo, può significare all’uomo d’oggi, che da qualsiasi sponda religiosa egli innalza a Dio la sua implorazione.

La nostra comunità è cosmopolita: le monache appartengono a razze, continenti e nazioni differenti. Il francese è la nostra lingua comune, ma alcune già parlano l’arabo e l’ebraico, mentre altro lo studiano insieme all’inglese.

Le funzioni religiose si svolgono in questo pluralismo di lingue che favorisce in noi il “senso della Chiesa”(costituzioni n. 130).

La nostra Madre e fondatrice Santa Teresa d’Avila, accettava con profonda riconoscenza ogni offerta, ma ribadiva l’esigenza del lavoro. Lavoro per guadagnarci la vita e aiutare a nostra volta chi è più povero di noi.

Corone e decine con grani d’ulivo, scapolari della Madonna del Carmine, immagini e cartoncini con fiori colti sul Monte ed essiccati: ecco il risultato del nostro lavoro che ci chiama a chiedere a altri di condividerlo, di donarlo a se stessi e agli altri, per sostenerci e aiutarci a sostenere i cristiani che qui vivono una situazione drammatica. In questa prospettiva cerchiamo anche di diffondere i lavori artigianali degli abitanti di questa Terra,  per cercare di impedire che essi, stretti dalle necessità economiche, abbandonino la loro Terra. A voi, che siete a noi vicini, chiediamo un sostegno: aiutateci a diffondere la nostra iniziativa, diventerete così assieme a noi, missionari ed operatori di pace in un’unione straordinaria di preghiera, di comunione e di unione di cuori.

Così come Papa Leone XIII, che affidò a questo Carmelo un’intenzione particolare: l’unione dei cuori”, intenzione attuale ed urgente oggi come ieri, a voi chiediamo di sentirci unite al vostro cuore, cuore che presenterà per tutti e per ciascuno, specie per chi si farà nostro benefattore, una speciale e particolare preghiera a Colui che in questa Terra si è fatto Carne ed è nato dal Grembo Purissimo della Vergine Maria. Vi sostenga e ci sostenga tutte, pure il castissimo San Giuseppe e la nostra straordinaria consorella Beata Mariam, vissuta e morta presso il Monastero di Betlemme.

Alla Sacra Famiglia e a Mariam consacriamo questo nostro sito, il nostro pregare e il nostro operare a sostegno di questa Terra, nella speranza che molti, sentano l’anelito a sostenerci.

Le vostre sorelle Carmelitane del Monte Carmelo di Haifa - Israele

SCRIVICI

Sei pregato di indicare in oggetto il tipo di richiesta il gestore del sito inoltrerà i vostri messaggi alle monache, che li leggeranno tutti e, in accordo con esse, risponderà in loro vece e su loro specifica autorizzazione

 Oppure scrivi direttamente al Monastero per posta normale:

CARMELITE SISTERS  -  P.O. B  9090 - 31090 HAIFA – ISRAELE