Un bellissimo video da non perdere assolutamente.

Clicca qui per vederlo

Ed una bella carrellata fotografica dello stesso altare.

Clicca qui

 

 

Carissimi   che ci visitate. Dopo la pausa estiva, tutto riprende il solito ritmo, ma confidiamo nel Signore che ognuno abbia fatto riserva di coraggio e generosita', per continuare il cammino della vita.

Sappiamo quante preoccupazioni sono nei nostri cuori, nel presente e per l'avvenire, e i vostri messaggi ne sono una prova, ma contiamo sull'aiuto della Madonna.

Piu' che mai c'e' bisogno di rivolgerci a Lei, con la preghiera evangelica del Rosario, per strappare tante grazie di cui abbiamo bisogno noi e l'umanita' intera.

I vostri messaggi sono letti e pregati, fraternamente. Anche se non vi comunichiamo grandi novita', vogliamo essere una presenza silenziosa, ma efficace.

 

 

 

 

 

Cari amici e amiche che ci visitate, in questa Pasqua 2018 ancora una volta  risorgiamo con Cristo, nostra speranza in questa vita, nella certezza di quella che ci attende.

Vi ricordiamo una bella preghiera della liturgia del Venerdi' Santo , desiderando che sia la nostra aspirazione piu' profonda.


La pace e la gioia del Signore siano con tutti coloro che ci visitano, nonostante le grosse nubi all'orizzonte. La nostra fiducia e' solo nel Signore e nell'intercessione della Vergine Maria, che può salvare le famiglie in difficoltà, i giovani senza lavoro, gli ammalati, le persone anziane.

Che la gioia della maternita' rallegri ancora i cuori e prepari un avvenire un  migliore.

All'inizio di questa Quaresima 2018, rivolgiamoci a Gesu' e ascoltiamolo. Vi diamo appuntamento nel Vangelo di Matteo, cap.5, 6, 7. E' il discorso della Montagna, il programma per una vita nuova, da meditare e da vivere, che il Maestro ci propone e non ha bisogno di tanti commenti.

 

 

Cari amici, ormai e' Natale, perche' dappertutto luci e folklore nel mondo cristiano ce lo ricordano, a cominciare dal gigantesco albero di Natale in piazza S. Pietro.... fino a quello piu' modesto che era gia' stato innalzato sulla piazza della Nativita' a Betlemme.   I penosi avvenimenti in corso , in Israele e Palestina, hanno consigliato di accontentarsi delle sole festivita' all'interno della Basilica e tutto  quello che poteva significare la gioia piena e' stato tolto.

Resta, ed e' TUTTO, la gioia intima per la nascita di Gesu', che auguriamo in abbondanza a ciascuno di voi. Non dimenticate i fratelle e le sorelle della Terra Santa, che attingono da Dio il coraggio di testimoniare il Vangelo. 

La nostra preghiera vi accompagna, mentre vi auguriamo un Santo Natale e un 2018 ricco di grazie e benedizioni.